Occhi su! Siding Spring in arrivo!

ottobre 18, 2014

by — Posted in Scienze

Tra circa 24 ore la cometa C/2013 A1, battezzata “Siding Spring” dal nome dell’osservatorio australiano dove venne scoperta nel gennaio 2013, transiterà a soli 140 mila km dal pianeta Marte, una distanza di tre volte e mezzo la circonferenza terrestre e circa sei volte l’orbita di Deimos, la più esterna delle due lune marziane.
Questo incontro ravvicinato è del tutto eccezionale perché il corpo celeste segue un’orbita non periodica e inclinata di 129° rispetto al piano eclittico (il piano contentente l’orbita terrestre) e proviene dalla nube di Oort, l’agglomerato di planetesimi situato a 50 mila Unità Astronomiche dal Sole, dalla quale, scritte nella composizione del suo nucleo, porterà per la prima volta nella storia preziosissime informazioni sulle fasi primordiali del Sistema Solare.
Sull’evento saranno puntati gli occhi dei principali telescopi spaziali e la presenza di 5 satelliti artificiali in orbita marziana, nonché dei rovers Curiosity e Opportunity in superficie, permetterà di studiare da vicino possibili interazioni tra la chioma della cometa e il pianeta rosso, con possibili effetti quali “aurore marziane” per l’interazione tra particelle cariche e il (debole) campo magnetico del pianeta, e uno sciame meteorico dovuto all’impatto in atmosfera marziana di frammenti precedentemente espulsi dal nucleo di Siding Spring.
Le agenzie spaziali NASA, ESA e l’indiana ISRO, operanti i satelliti artificiali che gravitano attorno a Marte, hanno messo in atto spostamenti delle loro flotte per studiare da vicino il fenomeno, sincronizzando opportunamente le orbite degli strumenti in modo da minimizzare le possibilità di danno; ci si aspetta comunque che la perturbazione dovuta all’effetto combinato dell’espulsione di materiale della cometa e del lento riscaldamento dell’atmosfera marziana porti a un decadimento orbitale dei satelliti Mars Reconnaisance Orbiter e MAVEN, che saranno “sospinti” verso il pianeta.

Per news, approfondimenti tecnici, eventi programmati e bellissime preview del fenomeno si rimanda al sito della NASA dedicato alla cometa:

http://mars.nasa.gov/comets/sidingspring/

I dati della Siding Spring in diretta, con un’interfaccia semplificata:

http://www.livecometdata.com/comets/c2013-a1-siding-spring/

Domani l’incontro sarà trasmesso in streaming sul sito della NASA:

http://www.nasa.gov/multimedia/nasatv/#