Qualche appunto sui film da Oscar di quest’anno

febbraio 22, 2015

by — Posted in Cinema

Questa notte è la notte degli Oscar (TM), l’annuale masturbazione autocongratulatoria degli studios americani. Naturale essere eccitati per l’evento. E allora, ci esercitiamo anche noi nella disciplina solipsistica del dare voti ai candidati come miglior film. Diminuiamo la velleitarietà dell’operazione offrendo un breve commento su ciascuno.

THE IMITATION GAME:
E’ una specie di A BEAUTIFUL MIND 2, tranne che questo è diretto con l’autopilota dalla produzione. Sherlock qui interpreta il Russell Crowe di quel film, con giusto quel pizzico di Sheldon Cooper per far aumentare il fattore puccioso. Banale e consolatorio. (2/10)

"Mi raccomando, non mancate per la quarta stagione di Sherlock."
“Mi raccomando, non mancate per la quarta stagione di Sherlock.”

 

"Are you not entertained?"
“Are you not entertained?”

LA TEORIA DEL TUTTO:
Uhm… se qualcuno l’ha visto è invitato a parlarne nei commenti. Se è analogo al film precedente, però, risparmiatevi la fatica (qui ad Albatros ci limitiamo invece ai pregiudizi, che ci fanno sentire bene). (?)

Non sembra così male.
Non sembra così male.

AMERICAN SNIPER:
In CAPTAIN AMERICA: THE WINTER SOLDIER, c’è una scena in cui si vede Falcon fare del counseling ai veterani dell’esercito afflitti da sindrome da stress post-traumatico. Quella scena vale di più di tutto AMERICAN SNIPER, che in teoria dovrebbe essere su quello. Obsoleto. (4/10)

Team Falcon.
Team Falcon.

 

 

WHIPLASH:
E chi l’ha visto? Nel caso -> giù nei commenti. (?)

BIRDMAN:
Nessun dubbio, superficiale nei contenuti, “manierista” nella messa in scena… ma è lo stesso una figata! Andate a vederlo. (Radical) chic. (7/10)

birdman
“Il mio Batman non potrà mai essere superato…”

L’AMORE BUGIARDO – GONE GIRL:
Ci siamo. Gran film, capolavoro trash, thriller, mystery, soprattutto commedia. Matrimonio, femminismo, relazioni di genere. Tecnicamente impeccabile, contiene un’interpretazione oscenamente unica nella storia del cinema da parte di Rosamund Pike. Perverso. (9/10)

"Hai scritto su twitter che il Batman di Christian Bale sarà il migliore di sempre. Come la mettiamo?" Credits: film-grab.com
“Hai scritto su twitter che il Batman di Christian Bale non potrà mai essere superato. Come la mettiamo?” Credits: film-grab.com

BOYHOOD:
Gran film, 12 anni di tempo che passa, riempiti di vita e di crescita. E’ un’esperienza clamorosa. Grandissima interpretazione di Patricia Arquette. Ambizioso. (9/10)

Poster di BOYHOOD realizzato in occasione dei premi BAFTA. Credits: Malika Favre/Human After All
Poster di BOYHOOD realizzato in occasione dei premi BAFTA. Credits: Malika Favre/Human After All

 

SELMA:
Gran film. Molto ben diretto (fa mostra di uno stile personale tutt’altro che annacquato), racconta la marcia per i diritti civili a Selma, Alabama, organizzata nel 1965 da Martin Luther King jr. e compagnia. Rifiuta facili banalizzazioni/generalizzazioni. David Oyelowo è superlativo come King (aspetta, non l’hanno nominato? Ma che…). Decisivo. (8/10)

THE GRAND BUDAPEST HOTEL:
Grand film. Colorato. Divertente. Commovente. Avventuroso. Simmetrico. Avventuroso. Commovente. Divertente. Colorato. Grand film. (9/10)

Credits: film-grab.com
Credits: film-grab.com