A un anno dalla morte di Philip Seymour Hoffman

febbraio 3, 2015

by — Posted in Accadeva oggi, Cinema

Come sarebbe cambiata la storia del cinema se Robert De Niro fosse morto dopo aver fatto TAXI DRIVER, ma prima di TORO SCATENATO? O se Marcello Mastroianni fosse morto dopo LA DOLCE VITA ma prima di OTTO E MEZZO?

Domanda futile, A prima vista. Tuttavia questo è lo stesso modo in cui la storia del cinema è stata cambiata 365 giorni fa, con la morte improvvisa e inaspettata di Philip Seymour Hoffman a 46 anni. Inconfondibile ma camaleontico, PSH ha dato vita a molti personaggi diversissimi tra loro in un gran numero di film, e la costante qualità del suo lavoro è opinione unanime fra i critici. Un film con PSH, qualsiasi film, in qualsiasi ruolo, era un film con un valore aggiunto che era difficile mettere in discussione. Citiamo i grandi film in cui ha avuto un ruolo importante, e che vi consigliamo tutti: BOOGIE NIGHTS, MAGNOLIA, THE MASTER di Paul Thomas Anderson, HAPPINESS di Todd Solondz, LA 25ESIMA ORA di Spike Lee, ONORA IL PADRE E LA MADRE di Sidney Lumet, SYNECHDOCHE, NEW YORK di Charlie Kaufman. Vale la pena citare anche IL DUBBIO, CAPOTE (per cui vinse l’Oscar), MONEYBALL e il suo ultimo film, LA SPIA. Ma ce ne sono molti altri.

Tuttavia, tuttavia… non possiamo evitare di porci una domanda dalle implicazioni pesanti e tristi: quanti film, ora e nei prossimi lunghi decenni, sono e saranno inevitabilmente impoveriti dalla sua assenza?

Qui sotto un bel video-saggio con un montaggio di alcune sue interpretazioni, in grado di dare un’idea dell’incredibile range di questo straordinario e compianto attore.